Privacy Policy

Corte dei Conti: rapporto speciale sul procurement dell’ICAO

La Corte dei conti, nella qualità di External Auditor, ha condotto un’indagine su “l’efficienza e l’efficacia del servizio di Procurement” dell’ICAO-International Civil Aviation Organisation. Il rapporto conclusivo è stato approvato nell’Adunanza della Sezione di controllo per gli affari comunitari ed internazionali del 28 marzo 2019.  L’audit ha analizzato le policies e le procedure adottate dagli organi di governo e di gestione dell’ICAO, relative al servizio di procurement della medesima, al fine di verificare se esse sono efficienti e se sono in linea con le pratiche condivise nel sistema delle Nazioni Unite.  La peculiarità di tale servizio è data dall’affidamento della sua gestione ad una unità autonoma, il TCB-Technical Cooperation Bureau che dispone di un proprio bilancio e viene compensato per i servizi resi. La Sezione di controllo per gli affari comunitari ed internazionali, avendo accertato l’esistenza di punti di debolezza relativi alle regole in vigore ed al quadro strutturale, ha formulato sei raccomandazioni orientate ad apportare miglioramenti al processo di procurement, attraverso l’adozione delle pratiche raccomandate all’interno del sistema delle Nazioni Unite, al fine di incrementare la loro efficienza e trasparenza. In particolare, è stata sottolineata l’esigenza di realizzare una distinzione netta tra i soggetti che sono coinvolti nelle diverse fasi del processo di procurement, secondo il principio della segregazione delle funzioni, con la conseguente attribuzione dei diversi livelli di responsabilità.  E’ stata anche evidenziata la debolezza del risk management, profilo questo che sarà ulteriormente approfondito.  L’analisi ha ovviamente riguardato anche il Procurement Code dell’ICAO che, oltre a determinare le rilevate carenze nella gestione, è risultato non pienamente “compliant” con le buone pratiche raccomandate dal JIU-Joint Inspection Unit dell’ONU.  Le raccomandazioni espresse nel rapporto speciale sono state accettate dall’ICAO e costituiranno oggetto di un’analisi di follow-up.