Privacy Policy

Credito di imposta sul costo del lavoro per la formazione “Impresa 4.0”

Per le imprese di Milano che applicano integralmente il Contratto del Terziario si conferma anche quest’anno l’importante beneficio del credito d’imposta sulle spese relative al costo del lavoro per il personale dipendente che svolge attività di formazione negli ambiti di “Impresa 4.0”. Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza ha rinnovato con le Organizzazioni sindacali dei lavoratori (Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil di Milano) il Contratto collettivo territoriale formazione Impresa 4.0: passaggio indispensabile, assieme agli accordi aziendali, per consentire alle aziende associate di usufruire del credito d’imposta.  Con le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2019: credito d’imposta fruibile nella misura del 50% dalle piccole imprese e del 40% dalle medie imprese (fermo restando il limite massimo annuale di 300.000 euro). Per le grandi imprese la misura è del 30% nel limite massimo annuale di 200.000 euro. Le imprese, indipendentemente dal numero dei dipendenti occupati, possono quindi applicare (dove non sono già costituite rappresentanze sindacali aziendali e unitarie) questo Contratto collettivo territoriale. Inoltre, quelle in regola con il versamento dei contributi a EbiTer Milano, l’Ente bilaterale del terziario, hanno l’opportunità di fruire del finanziamento dei percorsi formativi da parte dell’Ente.  “L’accordo rinnovato – evidenzia Umberto Bellini, vicepresidente di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza (coordinatore dell’attività degli enti bilaterali) – consente di dare una risposta concreta ed efficace alle esigenze delle imprese nell’adeguare le competenze dei lavoratori ai processi di innovazione e trasformazione digitale”.  Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza ha istituito un Help Desk Formazione Impresa 4.0 con il quale, attraverso incontri personalizzati, le imprese possono approfondire i temi sindacali, formativi e fiscali relativi al credito d’imposta.