Privacy Policy

Cultura, Firenze: completato il restauro della facciata di Santo Stefano al Ponte “Inside Magritte” anche a luglio

Un fantastico regalo ai fiorentini per la Festa del Patrono, San Giovanni. La facciata di Santo Stefano al Ponte si presenta nuovamente sgombra dai ponteggi che da oltre sei mesi ne impedivano la vista.  Di origine medievale, la chiesa si trova a due passi dal Ponte Vecchio, all’interno ospita una grandiosa scalinata con balaustra progettata da Bernardo Buontalenti e un altare realizzato da Giambologna, e da anni ospita gli spettacoli digitali prodotti da Crossmedia.  La parte esterna aveva necessità urgente di un restyling e così il cantiere del restauro architettonico della facciata lapidea ha preso avvio per le fasi di studio e ricognitive già ad inizio del 2019, momento nel quale il monumento iniziava a mostrare segni di cedimento di alcuni strati superficiali; l’intervento scientifico di restauro ha richiesto la costituzione di un gruppo tecnico qualificato che, sin dalle prime fasi di studio e di realizzazione delle prove sui materiali ha affiancato il progettista e direttore dei lavori architetto Fabrizio Morozzi dello studio Artecno con la collaborazione, nella fase realizzativa, della storica ditta specializzata nel restauro Figli di Augusto Lorenzini.

L’intervento del cantiere di restauro è stato interamente finanziato dall’Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero di Firenze, proprietario della chiesa e da sempre impegnato nella salvaguardia del patrimonio culturale. I lavori hanno preso avvio nel Natale 2019 e oggi sono praticamente conclusi, dopo sei mesi intensi, purtroppo intervallati dalla disgrazia Covid 19 che, una volta superata, ha consentito di rendere in breve tempo questo importante edificio al godimento da parte dei cittadini di Firenze proprio nella ricorrenza del Santo Patrono di Firenze.

Serata omaggio per Lucio Dalla e Pino Daniele

Frutto di una coproduzione di Crossmedia e Orchestra da Camera Fiorentina, la stasera giovedì 25 giugno, alle ore 21 a Santo Stefano al Ponte, propone un omaggio a due grandi cantautori italiani scomparsi, Lucio Dalla e Pino Daniele, e ai loro tanti fan. Ottima occasione per lasciarsi cullare dalle note di Quando, Napule è, Caruso, Piazza Grande e altri capisaldi dai rispettivi repertori, trascritti in chiave sinfonica da Fernando Ramsés Peña Díaz, che ritroviamo al pianoforte insieme all’Orchestra. Il prezzo del biglietto è di biglietti 25/20 euro, ma scende a 12 euro per chi per chi possiede il tagliando d’ingresso alla mostra Inside Magritte; altre riduzioni: ridotto 15 euro per titolari di Firenze Card, soci Unicoop Firenze.

Inside Magritte prosegue anche a luglio

Tra le prime mostre a riaprire in Italia dopo la chiusura totale, sin da subito Inside Magritte ha ottenuto un buon successo. Considerato l’incoraggiante risultato, la Dirigenza di Crossmedia ha deciso di far proseguire Inside Magritte fino al 30 luglio 2020. La mostra spettacolo manterrà le nuove regole per l’accesso che puntano alla completa sicurezza di tutti i visitatori, con sanificazioni continue degli ambienti.  Anche a luglio Inside Magritte sarà aperta in forma ridotta nei soli fine-settimana (ogni sabato e domenica) con orario continuato dalle 10 alle 18 e ultimo accesso alle 17. Gli ingressi verranno gestiti per fasce orarie (dalle 10 alle 17 allo scoccare di ogni ora) per garantire il rispetto del numero massimo di 50 visitatori, che dovranno accedere obbligatoriamente indossando la mascherina e solo dopo la rilevazione della temperatura corporea. I biglietti saranno acquistabili presso la biglietteria della mostra e tramite il portale Ticketone.

,