Privacy Policy

Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica 2020: selezionata la cinquina finalista

La Giuria Scientifica del Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica,  ha selezionato i 5 volumi che accederanno alla fase finale del Premio: “Il giro del mondo in sei milioni di anni” (Il Mulino) di Guido Barbujani e Andrea Brunelli, “Senza confini. Le straordinarie storie degli animali migratori” (Codice Edizioni) di Francesca Buoninconti, “La trama della vita. La scienza della longevità e la cura dell’incurabile tra ricerca e false promesse” (Marsilio Editori) di Giulio Cossu, “Il senso perfetto. Mai sottovalutare il naso” (Codice Edizioni) di Anna D’Errico e “Cybercrime. Attacchi globali, conseguenze locali” (Hoepli) di Carola Frediani. Alla presenza di Cristina Piva, assessore alle politiche educative e scolastiche, coesione sociale, volontariato e servizio civile, trasparenza ed edilizia scolastica del Comune di Padova e di Rodolfo Costa, professore ordinario di Genetica dell’Università degli Studi di Padova, la Giuria del Premio, presieduta dal pioniere dell’immunologia, direttore scientifico di Humanitas e docente di Humanitas University Alberto Mantovani, ha introdotto in prima battuta i 33 libri, tra le oltre 80 candidature, che avevano superato la prima selezione del Premio.    Nel corso dell’incontro della Giuria scientifica sono intervenuti, in qualità di giurati: Gabriele Beccaria, firma de La Stampa e responsabile degli inserti Tuttoscienze e Tuttosalute; Rossella Panarese, autrice e conduttrice di Radio3Scienza, il quotidiano scientifico di Rai Radio 3; Giovanni Caprara, saggista ed editorialista scientifico del Corriere della Sera; Barbara Carfagna, giornalista RAI; Silvia Bencivelli, giornalista, saggista, conduttrice radiofonica e televisiva; Maurizio Borin, docente di Agronomia, Università degli Studi di Padova; Marco Ferrante, docente di Calcolo delle Probabilità, Università degli Studi di Padova; Maria Maddalena Parlati, docente di Letteratura Inglese, Università degli Studi di Padova; Maria Berica Rasotto, docente di Anatomia Comparata, Università degli Studi di Padova; e infine Flavio Seno, docente di Fisica Teorica della Materia, Università degli Studi di Padova. “Con la selezione della cinquina finalista di questa mattina, il Premio Galileo entra davvero nel vivo – commenta l’assessore alla cultura Andrea Colasio – e anche grazie alla grande partecipazione delle case editrici – ben quaranta hanno candidato una propria pubblicazione- si afferma come il più importante premio italiano per la divulgazione scientifica. Quest’anno poi, la nuova articolazione del Premio, con il tour da gennaio a marzo in alcuni luoghi simbolo della divulgazione letteraria a Milano, Torino, Trento e naturalmente Padova, darà una ancora maggiore visibilità all’iniziativa coinvolgendo un pubblico ancora più vasto che potrà incontrare dal vivo gli autori finalisti. Da non dimenticare infine il concorso proposto a tutte gli istituti superiori d’Italia dal tema “Fake troppo fake! Racconti (corretti) di scienza” che ha l’obiettivo di stimolare i giovani sul tema della corretta informazione. Questa quattordicesima edizione del Premio è quindi più viva e vivace che mai a conferma dell’impegno speso dal Comune e l’Università di Padova nel sostenerlo e nel promuoverlo”. “Lo scopo di uno scienziato è comunicare nel modo più semplice e comprensibile possibile, per una migliore cultura scientifica condivisa” ha commentato il presidente della Giuria Scientifica Alberto Mantovani. Il Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica entra ora nella fase finale: le 5 opere saranno esaminate congiuntamente dalla Giuria Scientifica e dalla Giuria esterna, composta da studenti universitari di tutta Italia che si sono candidati come giurati e dalle 10 scuole secondarie di secondo grado selezionate per la fase finale del Concorso Scuole, una novità di quest’anno istituita dal Comune di Padova con l’obiettivo di stimolare i giovani studenti di tutta la Penisola sul tema della corretta informazione scientifica. E saranno proprio gli “studenti giurati” a decretare con il proprio voto l’opera vincitrice del Premio.

 

La cerimonia di consegna del Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica si terrà venerdì 8 maggio, presso l’Aula Magna del Palazzo del Bo, Università di Padova. Il giorno precedente – giovedì 7 maggio – i 5 autori finalisti presenteranno al pubblico le opere in concorso. 

Il Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica è promosso dal Comune di Padova-Assessorato alla Cultura, con la collaborazione dell’Università degli Studi di Padova e di ItalyPost.