Privacy Policy

Primo Piano, economia: l’incognita manovra fa volare lo spread

È bastata l’indiscrezione di un vertice di governo sulla legge di Bilancio, che poi non si è svolto, a far tornare il nervosismo sui mercati. La Borsa di Milano, ieri, è stata la peggiore in Europa, con l’indice Mib in calo dell’1,73% e il differenziale tra i Btp e i titoli tedeschi è tornato a 250 punti base, lo stesso livello di fine giugno. In chiusura lo “spread” si è leggermente ridotto ed i tassi di interesse, che lo avevano infranto, sono tornati sotto il tetto del 3%. II mercato azionario, già teso per l’innalzamento dello scontro sui dazi tra gli Usa e il resto del mondo, ha penalizzato in modo particolare le banche. In un mercato europeo debole, l’Italia torna ad essere maglia nera e sorvegliata speciale. Nelle stesse ore la lunga discussione sul decreto lavoro ha tenuto inchiodato all’Aula della Camera il vicepremier Luigi Di Maio, facendo slittare in tarda serata il consiglio dei ministri e spostando il primo vertice politico sulla manovra. Un nuovo incrocio fra le agende governative ha aggiornato a oggi l’appuntamento, salvo nuovi intoppi. Confermata la composizione del tavolo. che accanto al premier Giuseppe Conte e al ministro dell’Economia Giovanni Tria prevede il titolare degli Affari europei Paolo Savona e i due leader politici della maggioranza, i vicepremier Matteo Salvini e, appunto, Luigi Di Maio. L’obiettivo del resto è proprio quello di mettere qualche punto fermo sui confini della manovra prima della pausa estiva, anche per ridurre un po’ l’incertezza sull’Italia che agita i mercati. Agosto, quando gli scambi sono più sottili, è da questo punto di vista un mese tradizionalmente delicato, e il calendario prevede per il 31 la revisione del rating da parte di Fitch (ora è BBB con outlook stabile).

,