Privacy Policy

Primo Piano, economia: manovra

Scrive stamane Il Corriere della Sera: “Lo stop all’aumento dell’imposta di registro sulla casa. La marcia indietro sulla detraibilità delle spese sanitarie pagate in contanti, che si potranno ancora scalare dalle tasse. Un ulteriore ammorbidimento della stretta sulle partite Iva che versano le imposte con la Flat tax. L’ennesimo vertice di maggioranza sul disegno di legge di Bilancio è tutto dedicato a dare un’altra limatina al capitolo fisco. Ma deve anche prendere atto dell’impossibilità, almeno per il momento, di cancellare o anche solo ridurre un tassa finora rimasta nascosta e che potrebbe pesare molto di più rispetto ai cosiddetti micro balzelli. Si tratta della stretta sulle auto aziendali che finirà per triplicare la tassazione a carico del lavoratore dipendente, per di più a prescindere dal loro livello inquinante. Nel vertice c’è stato il tentativo di disinnescarla ma alla fine ci si è dovuti fermare perché costerebbe 513 milioni di euro. Probabilmente ci si riproverà in Parlamento, aumentando il carico fiscale su giochi e sigarette”.

,