Privacy Policy

Primo Piano, politica interna: amminisitrative, accordo centrodestra

E’ trascorso più di un anno dall’ultimo evento pubblico al quale avevano partecipato tutti e tre insieme. Sono passati più di tre mesi dal «patto dell’arancino», l’accordo di collaborazione del centrodestra per le elezioni locali siglato a Catania. Ieri a Pescara Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni sono tornati a sedersi assieme attorno a un tavolo per una conferenza stampa di sostegno al candidato del centrodestra alla Regione Abruzzo, Marco Marsilio. L’appuntamento è stato voluto, concordato e infine realizzato, ma restano alcuni punti di sospensione tra i tre leader la cui alleanza è stata messa alla prova dalla formazione del governo giallo-verde. Non si possono nascondere quelle smagliature che la formazione di una maggioranza disomogenea ha creato. Un referendum sulla Tav (e uno sul reddito di cittadinanza) per mettere Matteo Salvini dinanzi a una scelta di campo definitiva. Si tratta, secondo quanto riferisce l’agenzia Adnkronos, dell’ultima idea di Silvio Berlusconi che, con l’ok di Fratelli d’Italia, potrebbe riportare il leader della Lega nell’alveo naturale del centrodestra o, in caso contrario, obbligarlo a scegliere di salvare il governo e la sua avventura con i Cinque stelle.

,