Privacy Policy

Turismo 2018: E-commerce viaggi supera gli 11 miliardi

Da Agamare a I Viaggi del Ventaglio, passando per Columbus, Eurotravel, Maxitraveland, Teorema, Todomondo: negli ultimi anni l’elenco degli operatori usciti di scena è impressionante. Eppure -secondo quanto osserva SpeedVacanze.it, il tour operator che ha inventato l’esclusiva formula dei viaggi per single- per chi ha saputo cavalcare l’era dell’online il settore oggi vola, superando la soglia degli 11 miliardi di euro (+15% rispetto al 2017). Un terzo di quelli che erano i primi 30 tour operator italiani è oggi sparito. «I tour operator in Italia hanno visto il fatturato passare dai 7 miliardi di euro del 2007 ai circa 3,5 del 2016» così spiega la crisi Giuseppe Gambardella, fondatore di SpeedVacanze.it.  Eppure nel 2017 il turismo ha generato un fatturato e-commerce che ha superato la soglia dei 10 miliardi di euro. «Un volume impressionante, destinato a crescere ancora molto nei prossimi anni» commenta Roberto Sberna, direttore generale di SpeedVacanze.it.  Per il 2018 il risultato stimato da SpeedVacanze.it vede un ulteriore aumento del 15% rispetto ai 10,7 miliardi di euro del 2017. Un altro anno brillante, dunque, che si chiuderà avendo generato un fatturato e-commerce viaggi che supera la soglia degli 11 miliardi di euro, raggiungendo gli 11,5 miliardi di euro.  Grazie anche al peso del turismo, nel 2018 il valore dell’e-commerce in Italia supererà complessivamente i 39 miliardi di euro, assestandosi a 39,3 miliardi, con una crescita dell’12% rispetto al 2017, facendo così recuperare all’Italia parte del ritardo rispetto ad altri Paesi come la Francia, dove il fatturato complessivo dell’e-commerce è di oltre 80 miliardi di euro.