Privacy Policy Villa Maraini all’ONU: salvare vite da overdose – Agenzia Data Stampa

Villa Maraini all’ONU: salvare vite da overdose

Siamo stati i primi ad utilizzare il farmaco Naloxone attraverso operatori non medici che hanno salvato, in 20 anni, oltre 2.500 persone”. È quanto dichiara Massimo Barra, fondatore di Villa Maraini, Agenzia Nazionale della Croce Rossa Italiana per le tossicodipendenze. A tale proposito verrà presentato il 16 marzo all’ONU, in un apposito Side Event nell’ambito della 61a Commissione sulle droghe presso l’Organizzazione delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine (UNODC) a Vienna, lo studio “Reducing fatal Opioid Overdose”, realizzato dalla Fondazione Villa Maraini per prevenire e trattare l’overdose da eroina attraverso il farmaco salvavita Naloxone. E’ stata messa in campo l’esperienza ventennale della Fondazione che decise di far usare questo farmaco, ora distribuito in Italia senza bisogno di ricetta medica, agli operatori ex tossicodipendenti che, pur non essendo medici, hanno potuto salvare moltissime persone da morte per dose eccessiva di eroina. Questo testo, per ora solo in lingua inglese, sarà utile a far conoscere e diffondere il farmaco Naloxone nel mondo, permettendo di divulgare sempre di più quella politica umanitaria in favore dei tossicodipendenti, portata avanti in Italia e all’estero da Villa Maraini da oltre 40 anni.

Villa Maraini all’ONU

,